mercoledì 21 maggio 2014

Polpo alla galiziana.

Dopo più di una settimana rieccomi su queste pagine!
Il periodo felice in cui riuscivo a postare due volte a settimana è definitivamente naufragato nel "dolce" mar della maturità.
Manca meno di un mese e, credetemi, si sente.
Si sente quella strana atmosfera mai respirata prima: un misto di stanchezza e felicità, il pensiero che fugge da "non ce la posso fare" a "dai che è l'ultimo sforzo".
Quello che viene dopo è visto come il paradiso: l'estate, l'abbandono, il festeggiamento.
Quello che verrà ancora dopo è visto come una meta ignota per la quale si ha troppa voglia di partire.
Per questo dico che, malgrado lo studio, i mal di testa, le rinunce, questo periodo è così speciale. Perché non tornerà più.
Alle volte mi fermo un attimo e penso che questo è l'esatto attimo in cui tutto è contemporaneamente vicino e lontano: vicino visto che manca poco, pochissimo, lontano perché la strada per arrivarci non sarà per niente facile.
In mezzo a tutto ciò un po' di cose sono successe: ho finalmente preso la patente, ho dovuto appendere il grembiule per qualche tempo e selezionare i piatti che desideravo fare visto che il tempo per provarli tutti non c'era più.
Cucinare tutti i giorni, leggere nuove ricette, nuovi libri è la cosa di cui sento più la mancanza ma mi conforta pensare che, presto, avrò tempo per rimediare.
Una delle ricette su cui mi sono concentrata è proprio quella che vi sto per proporre: un piatto spagnolo, spesso servito come tapas (io ne ho fatto un secondo) e che mi è rimasto impresso nella mente per il suo gusto acceso.

Polpo alla galiziana.


Ingredienti per 4 persone:
650 gr di patate
1 polpo da 1 chilo
un mazzolino di prezzemolo
2 scalogni
paprika dolce un polvere q.b.
peperoncino in polvere q.b.
sale q.b.
olio evo q.b.

Questa ricetta è facilissima ma vi darà molte soddisfazioni!
Per prima cosa mettete sul fuoco una pentola d'acqua molto capiente e fatela arrivare a bollore con dentro i due scalogni sbucciati.

Una volta che l'acqua starà bollendo salatela e immergeteci il polpo (già pulito e già surgelato), immergetelo ed estraetelo dall'acqua per tre volte così i tentacoli si arricceranno.
Lasciate bollire coperto a fuoco basso per un'ora. Per verificare la cottura basterà infilzare il polpo con una forchetta nel "collo" (la parte tra la testa e i tentacoli), questa parte è la più dura e quindi quella che diventerà tenera più tardi.
Nel frattempo sbucciate le patate e tagliateli a tocchi di medie dimensioni (devono poter essere mangiati in una forchettata).
Quando il polpo sarà pronto tiratelo fuori dall'acqua e ponetelo in un recipiente dove metterete anche un po' della sua acqua di cottura (così freddandosi rimarrà  tenero).
Il resto dell'acqua riportatelo a bollore e cuoceteci le patate: dovranno essere tenere ma non troppo morbide.
Quando anch'esse saranno pronte scolatele e ponetele in un recipiente.
Tagliate il polpo a rondelle non troppo sottili e aggiungetele alle patate.
Tritate abbondante prezzemolo e aggiungete anche questo.
Condite con un filo d'olio, ancora sale se serve e poi passate al peperoncino ed alla paprika.
Siate più generosi con la paprika dolce e più parsimoniosi con il peperoncino: un pizzico in più potrebbe rovinare tutto!
Proseguite quindi gradualmente fino ad ottenere la piccantezza desiderata.
Lasciate riposare per una mezz'ora e poi impiattate (io ho usato un coppapasta rotondo).
Io l'ho accompagnato con un'insalata di piattoni e noci condita con olio, sale e aceto balsamico.



Il piatto come vedete è molto semplice, il segreto sta nel mix di spezie usate :)
Potete anche eliminare il peperoncino ed optare per una paprika piccante (che però tanto piccante non è): il piatto rimarrà comunque delizioso!
Scegliete il vostro mix e gustatevi questo piatto :)


Buon appetito,
Valerie :)

26 commenti:

  1. un piatto molto carino e stuzzicante!!Vedrai questo periodo laborioso finira' presto e poi lo rimpiangerai!!! Tieni duro!!! Baci Sabry

    RispondiElimina
  2. Complimenti! Fantastico!!!! in bocca al lupo per la maturita'!

    RispondiElimina
  3. ricordo il periodo della maturità come un periodo bellissimo, pieno di emozioni e malinconia!
    goditelo e goditi le sorprese del dopo :) bravissima!

    RispondiElimina
  4. ma che buono! anche a me era rimasta la voglia di provare a farlo a casa, ma ho sempre rimandato ora me lo segno e lo faccio presto presto!
    forza forza, manca poco e poi sarà una sensazione stupenda!!

    RispondiElimina
  5. Sai che mi ispira un sacco??!?!?!?!

    RispondiElimina
  6. Che ricordi della mia maturità.. ormai son passati troppi anni da allora..ma mi sento sempre la stessa!!!! Dai su.. fai un ultimissimo sforzo.. non manca tantissimo.. e poi l'estatecon il meritato relax.. e da settembre si vedrà.. fai una cosa per volta!!! Ottimo il tuo polpo.. mi piace tantissimo come lo hai presentato.. samck

    RispondiElimina
  7. una bella torretta sfiziosa, piacevole da presentare e....buonissima!!!!!!!

    RispondiElimina
  8. IL periodo della maturità lo ricordo come un incubo ma ti assicuro che una volta superato ti sembrerà di rinascere :-D
    Intanto vedo che a tavola non smetti di coccolarti..e fai proprio bene x ritrovare energia e buonumore :-D
    In bocca al lupo x tutto e vedrai che poi ti aspetta una bella vacanza :-DDDD

    RispondiElimina
  9. cara Valeria come ti capisco, anche mia figlia ha la maturità classica ed inizia a sentire la tensione e la stanchezza. concentrati per il tuo esame noi rimaniamo sempre qua in attesa delle tue proposte allettanti ed invitanti come questa.
    ti faccio in bocca al lupo e come tu ben saprai, da classicista, è un augurio di protezione come la lupa protegge i suoi piccoli in bocca baci

    RispondiElimina
  10. Oh, what a delicious gourmet offer! Sure will try!

    RispondiElimina
  11. Questa ricetta è proprio deliziosa, ed è tanto che non mangio il polpo...

    RispondiElimina
  12. Squisito questo polpo, forza Valeria, ce la farai alla grande! Bacioni

    RispondiElimina
  13. Quanto sei brava cara...sempre di più!!! E' un piatto molto chic e appetitoso!! In bocca al lupo per la maturità!! Baci, Mary

    RispondiElimina
  14. Adoro il polpo con patate e la tua presentazione è proprio degna di un ristorante!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  15. Hai ragione, questo è uno dei periodi più belli della vita. E l'hai descritto alla perfezione. In bocca al lupo!!
    Splendido anche questo piattino che, per essere una gentile concessione del periodo di studio, è davvero perfetto. Grande!

    RispondiElimina
  16. Sei davvero una ragazza splendida, Valeria. In bocca al lupo!
    Grazie per questo piatto davvero d'effetto e gustoso. Poi, io adoro letteralmente il polpo, quindi!
    Un abbraccio
    MG

    RispondiElimina
  17. Non ho mai avuto il coraggio di cucinare il polpo, ma con queste spiegazioni così chiare potrei provarci! Ciao

    RispondiElimina
  18. Molto appetitoso e ben presentato!!!! Bravissima!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  19. buono,buono,buono, se ti va passa da me c'è un pensiero per te tutto meritato, un bacio http://cioccolatoamaro-paola.blogspot.it/2014/05/fudgecake-al-cioccolato-compliblog-e.html

    RispondiElimina
  20. Mi sembra proprio buonissimo.. auguri per la patente il che mi ricorda che deo prenderla anch'io mannaggia a quando subentrano troppe cose uffa..!! baci a presto!

    RispondiElimina
  21. Vale, questo è un piatto coi baffi... da leccare!!! Grazie mille dell'idea. Appena trovo due bei polpi freschi li faccio parlare galiziano :D

    Un grosso in bocca al lupo!! :)

    RispondiElimina
  22. Semplice ma molto invitante e ben presentato, inoltre io sono convinta del fatto che il pesce meno lo si elabora e meglio è, la semplicità nella preparazione lo esalta.
    Brava.
    Ricetta a parte sei una giovane ragazza saggia, se avessi avuto una figlia mi sarebbe piaciuto che ragionasse come te.
    Un bacio.

    RispondiElimina
  23. Buonissimo e bellissimo!!! un'ottima idea per una cena di grande gusto e raffinatezza!!!!

    RispondiElimina

Lasciate un commento, mi fa piacere sapere la vostra opinione :)